Stage e Tirocini

Lo "stage" o tirocinio formativo e di orientamento nella terminologia di legge è un periodo di formazione presso un'azienda che costituisce un'opportunità di conoscenza diretta del mondo del lavoro e una specifica professionalità. L'esperienza dello "stage" costituisce un'opportunità significativa, per chi ha concluso o sta per concludere il proprio percorso di studio, in grado di favorire un contatto diretto con il mondo del lavoro e l'acquisizione degli elementi applicativi di una specifica attività professionale.
Gli "stage" sono regolamentati dal D.M. 25 marzo 1998 n.142 che rende più chiare le modalità applicative della legge 196 del 24 giugno 1997 art.18.
Lo "stage" non è considerato rapporto di lavoro subordinato e quindi non comporta l'obbligo di retribuzione da parte dell'Azienda, Impresa o Ente, né quello previdenziale. Spetta invece ai soggetti promotori (SSML) provvedere obbligatoriamente all'assicurazione degli stagisti contro gli infortuni sul lavoro presso l'INAIL, presso una compagnia assicuratrice per la responsabilità civile verso terzi e per gli infortuni.
Lo "stage" viene attivato sulla base di apposite convenzioni stipulate tra la Scuola e l'Azienda, l'Impresa o l'Ente.
L'Azienda che stipula la convenzione allega un progetto formativo che definisce la durata del tirocinio, l'orario di lavoro, la posizione assicurativa, gli obbiettivi, le modalità, gli obblighi e gli impegni. Indica, altresi, il nominativo di un responsabile aziendale (tutor) e di un tutor dell'Università incaricato a monitorare il tirocinio; il responsabile aziendale alla fine del suddetto tirocinio deve redigere una relazione relativa al tirocinio svolto.
Al termine dello stage può essere rilasciata al tirocinante una dichiarazione sulle competenze acquisite, utile ad assicurare il curriculum professionale.