Deducibilità Fiscale

Aggiornamenti per l'anno 2017

Le spese di istruzione universitaria sostenute per la frequenza di corsi tenuti presso Istituti o Università italiane o straniere, pubbliche o private, in misura non superiore a quella stabilita per gli Istituti Statali italiani, sono considerate oneri quali è riconosciuta una deducibilità fiscale attraverso una detrazione d’imposta (Decreto in GU il 07/03/2017 n. 55) ai fini della dichiarazione per la determinazione dell’imposta sui redditi delle imprese fisiche (IRPEF).

Il decreto ha individuato gli importi massimi detraibili dall'imposta lorda sui redditi per il 2016 in relazione alle tasse e i contributi di iscrizione per la frequenza ai corsi di laurea presso le Università non statali.

La spesa relativa alle tasse e ai contributi di iscrizione per la frequenza dei corsi di laurea è individuata, per ciascuna area disciplinare di afferenza e regione in cui ha sede l'Ateneo nei seguenti importi massimi. Sono state definite le seguenti aree: area medica, area sanitaria, area scientifico-tecnologica, area umanistico-sociale (quest'ultima è l'area di appartenza della SSML di Pisa.

Gli importi massimi previsti per l'area umanistico sociale sono: 2.800€ per il Nord, 2.300€ per il Centro, 1.500 per il Sud e le isole

 

  In altre parole il massimo di detrazione è individuato:

1. per area geografica e

2. per area disciplinare

 

Per approfondimenti clicca qui